13.10.2021       Morning Italian Murli        Om Shanti      BapDada       Madhuban


Essenza:
Dolci figli, c’è sofferenza nei legami di sangue. Dovete rinunciare ad essi e avere amore spirituale per ognuno. Questa è la base della felicità e della beatitudine.

Domanda:
Quale sforzo speciale avete bisogno di fare per diventare parte del rosario della vittoria?

Risposta:
Per diventare parte del rosario della vittoria, fate lo sforzo speciale di diventare santi (puri). Solo quando diventate veri sannyasi, cioè, solo quando diventate senza vizio diventerete un grano del rosario della vittoria. Se ci sono conti del legame del karma, non potete diventare un erede: invece diventerete parte dei sudditi.

Canzone:
La Fiamma è accesa nell’assemblea felice delle falene.

Om shanti.
Guardate, stiamo lodando nostro Padre. Io, l’anima, certamente mostrerò (rivelerò) mio Padre. Il figlio mostra il Padre. Io sono un’anima e voi direste: Noi siamo anime e nostro Padre è l’unica Anima Suprema che è il Padre di tutti. Tutti l’accetterebbero; non direbbero che il Padre di noi anime è diverso. Il Padre di tutti è Uno. Ora che siamo Suoi figli, conosciamo la Sua occupazione. Non possiamo dire che Dio è onnipresente. In quel caso Dio sarebbe in tutti. I figli diventano felici quando ricordano loro padre, perché qualsiasi cosa abbia il padre, i suoi figli la ricevono come eredità. Ora siamo eredi di Dio; così cosa ha Lui? Egli è l’Oceano di Beatitudine, l’Oceano di Conoscenza, l’Oceano di Amore. È perché sappiamo questo che cantiamo la Sua lode. Altre persone non direbbero questo. Forse lo direbbero ma non sanno come Egli è così. Tutti gli altri direbbero che Dio è onnipresente. Tuttavia, noi siamo Suoi figli e così cantiamo la lode del nostro incorporeo Padre immortale: che è l’Oceano di Beatitudine, l’Oceano di Conoscenza e il Magazzino di Tesori d’Amore. Tuttavia, qualcuno potrebbe sollevare una domanda: Voi dite che il vostro stato nel mondo incorporeo è al di là di felicità e sofferenza. Da dove verrebbero la felicità, cioè la beatitudine, e l’amore? Questi sono aspetti che devono essere compresi. Quando parlate di beatitudine, felicità e amore, è uno stato di felicità, ma come può esserci beatitudine, amore e conoscenza nel mondo della pace? Quando quell’Oceano di Felicità viene in questo mondo corporeo, Egli viene e ci dà felicità. Là, rimanete in uno stato che è al di là di felicità e sofferenza perché, come vi è stato spiegato, è il mondo al di là di felicità e sofferenza, che è chiamato il mondo incorporeo. Poi, l’altro mondo è il mondo di felicità dove c’è costante felicità e beatitudine che è chiamato paradiso. Questo è il mondo di sofferenza che è chiamato inferno, cioè, il mondo dell’età del ferro. Ora, il Padre Supremo, l’Anima Suprema, che è l’Oceano di Felicità, viene e cambia questo mondo dell’età del ferro e lo rende un magazzino di tesori di beatitudine, felicità e amore, dove non c’è altro che felicità e più felicità, amore e più amore. Là, anche gli animali hanno molto amore. Le mucche e i leoni bevono l’acqua dallo stesso fiume insieme. Hanno così tanto amore gli uni per gli altri. Così il regno che Dio viene e fonda ha felicità e beatitudine. Tuttavia, nel mondo incorporeo, non c’è questione di felicità, beatitudine o amore. È la residenza delle anime incorporee. È la vita ritirata, cioè, lo stato del nirvana per tutti dove non c’è feeling di felicità o sofferenza. Le parti di felicità e sofferenza sono eseguite nel mondo corporeo. Quando è il paradiso in questo mondo, c’è eterno amore spirituale. Tuttavia, c’è sofferenza nelle connessioni di sangue. Anche i sannyasi non hanno alcuna connessione di sangue. Ecco perché non hanno sentimenti di sofferenza per nulla. Essi dicono: Io sono la verità, un essere senziente e una personificazione di beatitudine perché hanno rinunciato alle loro connessioni di sangue. Nello stesso modo, anche qui voi non avete alcuna connessione di sangue. Qui, noi tutti abbiamo l’amore spirituale che Dio ci insegna. Il Padre dice: Voi siete i miei figli amati. La Mia beatitudine, felicità e amore sono vostri perché avete rinunciato a quel mondo e siete venuti nel mio grembo (adottati). Siete venuti e vi siete seduti nel Mio grembo nelle vostre vite pratiche. Non è come quelle persone che sono adottate dai loro guru ma tornano alle loro case. Non sono chiamati figli amati. Quelle persone sono come i sudditi dei guru. Tuttavia, coloro che hanno rinuncia e sono adottati da loro sono chiamati figli amati perché sono quelli che siedono sul gaddi dopo la dipartita del guru. C’è differenza come tra il giorno e la notte tra figli e sudditi. I figli diventano eredi e reclamano un’eredità; nello stesso modo voi avete rotto le vostre connessioni di sangue e siete venuti nel grembo dell’Incorporeo e del corporeo e così siete diventati eredi. Anche in questo, più conoscenza prendete, più beatitudine sperimentate. L’educazione è detta essere beatitudine. Così, più assumete questa educazione, più felicità riceverete in quel regno come sudditi. Questa educazione Divina è beatitudine attraverso cui ricevete pace e felicità supreme. Questa costante e incrollabile sovranità del sé di felicità e pace è la proprietà di Dio che voi figli ricevete. Poi, nella misura in cui assumete questa conoscenza, in accordo riceverete l’eredità del Padre. Per esempio, tutti quei cercatori vengono a voi; sono i vostri amati sudditi. Essi non sono figli perché continuano a venire e andare. Essi possono diventare figli perché alcuni cambiano da sudditi in eredi. Quando assumono questa conoscenza e vedono che c’è felicità illimitata e pace qui e c’è sofferenza in quel mondo, essi vengono nel grembo di Dio. Nessuno diventa un figlio istantaneamente. Prima anche voi venivate e andavate e poi, dopo aver ascoltato questo, siete rimasti qui e così siete diventati eredi. È lo stesso con i sannyasi. Ascoltando, quando essi capiscono che c’è pace e felicità nella rinuncia, rinunciano a tutto. Anche qui, quando hanno provato questo, diventano figli amati e così ricevono l’eredità per nascita dopo nascita. Poi continuano a venire nell’albero genealogico delle deità. I sudditi non rimangono con voi; vanno via da qualche parte a causa dei loro legami karmici. La canzone dice: La Fiamma è accesa nell’assemblea felice delle falene. Così, anche le falene danzano su una fiamma e muoiono. Alcuni semplicemente circolano intorno e vanno via. Questo corpo in cui l’Onnipotente Baba è entrato è come una fiamma. Voi siete venuti qui come falene e, quando avete capito i segreti, siete rimasti qui. Migliaia e centinaia di migliaia vengono qui e continuano ad ascoltarvi. Più sentono, più continueranno a ricevere benedizioni di beatitudine e pace perché questi insegnamenti del Padre Immortale non possono essere distrutti. Questa è chiamata ricchezza imperitura della conoscenza; non può mai essere distrutta. Così, quelli che sentono anche un po’ certamente diventeranno parte dei sudditi. Là, anche i sudditi sono molto, molto felici. C’è beatitudine interiore là perché tutti rimangono consci d’anima. Qui, siamo diventati consci del corpo ed ecco perché siamo infelici. È il paradiso; là non c’è nome o traccia di sofferenza. Anche gli animali vivono con così tanta pace e felicità e così quanta pace e amore ci sarebbe tra i sudditi? È definito che non tutti diventano un erede. Qui, 108 fermi rinuncianti diventeranno i grani del rosario della vittoria. Non sono ancora diventati tali; stanno ancora diventando così. I sudditi anche vengono creati allo stesso tempo. Essi vivono fuori (da un centro) e continuano anche ad ascoltare questo. Hanno yoga sedendo a casa. Avendo yoga, diventano parte dei membri qui e perciò cambiano da sudditi in eredi. Avendo ancora qualche conto di legame del karma, continuano a vivere fuori e hanno yoga e continuano a rimanere senza vizio. Così, vivendo a casa, se praticano di rimanere senza vizio, certamente ci sarebbe una discussione perché ci sono quelli che diventano lussuriosi e arrabbiati… Quando conquistate la lussuria, il vostro più grande nemico e smettete di dare veleno, c’è una discussione. Dio dice: Figli, la morte è proprio davanti a voi: il mondo intero sta per essere distrutto. Le persone dicono agli anziani: La morte è proprio davanti, quindi ricordate Dio. Il Padre siede qui e dice: Figli, diventate senza vizio! Ricordate Dio! Similmente, quando andate su un pellegrinaggio, smettete di indulgere nel vizio e di arrabbiarvi. Non indulgereste nel vizio sulla via. Lungo la via, essi continuano a cantare “Vittoria al Signore dell’Immortalità”, ma quando tornano cominciano ad affogare di nuovo in quegli stessi vizi. Voi non state per tornare. Non state per diventare lussuriosi o arrabbiati. Se indulgete nei vizi, il vostro rango sarebbe distrutto. Non diventereste “Sua Santità”. Coloro che diventano santi diventeranno parte del rosario della vittoria. Quelli che falliscono diventeranno parte della dinastia della luna. Il Padre Supremo, l’Anima Suprema, siede qui e insegna a tutti voi. Egli solo è l’Oceano di Conoscenza. Egli non siederà là nel mondo incorporeo e darà la conoscenza alle anime. Egli viene qui e vi parla la conoscenza. Dice: Voi siete Miei figli. Proprio come Io sono puro, così anche voi dovete diventare puri. Poi governerete il mondo dell’età dell’oro di amore e felicità, che è chiamato Paradiso. Ora questo mondo sta cambiando perché sta diventando dell’età dell’oro dall’età del ferro. Poi cambierà dall’età dell’oro nell’età dell’argento. Dall’età dell’argento cambierà nell’età del rame, dall’età del rame nell’età del ferro. Il mondo continua a cambiare in questo modo. Così, questo mondo ora sta cambiando. Chi lo sta cambiando? Dio Stesso e voi dovete diventare Suoi figli amati. I sudditi anche sono creati, ma i figli sono figli e i sudditi sono sudditi. Coloro che hanno rinuncia diventano eredi. Certamente diventeranno parte della famiglia reale. Tuttavia, se non avete preso quel tanto di conoscenza, non riceverete un rango. Coloro che studiano bene diventeranno signori. Quelli che semplicemente continuano a venire e andare diventeranno parte dei sudditi. Poi, nella misura in cui diventate santi, così ricevete felicità. Anch’essi diventano amati, ma lo diventano pienamente quando diventano figli. Capite? Ci sono molti tipi di rinuncianti. Un tipo sono quelli che rinunciano alle loro casa e famiglie e altri sono quelli che vivono a casa ma non indulgono nel vizio. Siedono e raccontano le scritture etc. ai loro seguaci. Essi danno la conoscenza dell’anima. Anche loro hanno discepoli ma i loro discepoli non possono diventare i loro amati figli perché hanno una proprietà e dei figli. Così non possono far sì che nessuno di essi rimanga con loro. Né essi stessi hanno avuto rinuncia né possono far sì che altri abbiano rinuncia. Anche i loro discepoli vivono con le loro famiglie; essi semplicemente continuano ad andare da lui. Egli semplicemente continua a dare loro la conoscenza o dà loro un mantra; è tutto. Non diventano suoi eredi, così come potrebbe esserci crescita tra loro? Semplicemente danno la conoscenza, lasciano i loro corpi e muoiono. Guardate, uno è il rosario di 108 e l’altro è il più grande rosario di 16.108. Quello è il rosario del clan regale della dinastia della luna dei principi e principesse. Così, coloro che sono in grado di prendere quel tanto di conoscenza qui e non diventano purificati sperimenteranno punizione e diventeranno parte del rosario della dinastia della luna. Ci sono molti principi e principesse. Voi ascoltate e venite a conoscere questi segreti a questo tempo. Queste cose della conoscenza non esistono là. Questa conoscenza è ricevuta solo ora, all’età di confluenza, quando la religione delle deità sta venendo fondata. Così, vi viene detto: Quelli che non conquistano i loro sensi fisici pienamente diventeranno parte del rosario del clan della dinastia della luna. Coloro che li conquistano diventeranno parte del clan della dinastia della luna. Anche tra loro sono certamente in graduatoria. Uno riceve un corpo in accordo al proprio stato. Guardate! Mama è andata via da tutti e così ha ricevuto una borsa di studio; è diventata un monitor. L’intera urna della conoscenza le è stata data. Anch’Io la chiamo “Madre”, perché ho arreso tutto il mio corpo, mente e ricchezza ai suoi piedi e non ho dato nulla ai miei figli fisici, perché quelle sono connessioni di sangue. Qui, voi diventate figli eterni. Venite qui avendo rinunciato a tutto e così c’è più grande amore per voi. L’amore eterno è il più forte di tutti. I sannyasi lasciano le loro case e vanno via. Voi avete portato tutto qui e l’avete sacrificato. Dio Stesso sta agendo praticamente e vi sta mostrando. Qui, potete ricevere una risposta a qualsiasi domanda. Anche Dio Stesso può venire e dirvelo. Egli è il Mago e la Sua parte di magia ora sta venendo compiuta. Voi siete figli molto adorabili; il Padre non può mai agitarvi. Se vi agitasse, voi figli imparereste anche ad arrabbiarvi. Qui, tutti hanno amore all’interno. Anche in paradiso hanno così tanto amore. Là, rimangono satopradhan. Qui, è fatto molto servizio per i visitatori che vengono qui perché anche loro sono docciati con pace e felicità. Essi diventeranno amati sudditi. I genitori (Mama e Baba) e i figli tutti diventano impegnati nel servirli. Sebbene stiate diventando deità, non avete arroganza di quel rango qui. Tutti voi diventate servitori obbedienti e rimanete impegnati nel servizio. Anche Dio diventa il Servitore Obbediente e serve i Suoi amati figli e i sudditi. Egli doccia beatitudine sui figli. Achcha.

Alle dolcissime, amate, a lungo perse e ora ritrovate luci degli occhi, i figli che diventano separati ad ogni ciclo e che vengono qui una volta ancora, a tali figli, molto amore, ricordo e buongiorno dalla profondità del cuore e con molto amore dalla Madre, il Padre, BapDada. Il Padre spirituale dice namaste ai figli spirituali.

Essenza per la dharna:
1. Proprio come BapDada non agita mai voi figli, nello stesso modo, voi figli non dovete agitare nessuno. Vivete gli uni con gli altri con amore interiore. Non vi arrabbiate mai.

2. Per reclamare una benedizione di pace e beatitudine, arrendete voi stessi pienamente alla Fiamma. Reclamate un diritto Divino alla pace suprema e alla felicità attraverso questo studio.

Benedizione:
Possiate essere uno con buoni auguri per tutti e diventate vittoriosi con il potere della cooperazione nell’assemblea.

Se tutti nell’assemblea sono aiutanti reciproci e qualcuno con buoni auguri, allora essendo voi circondati dal potere della cooperazione nell’assemblea, possono essere ottenute meraviglie. Abbiate buoni auguri gli uni per gli altri e cooperativi tra voi e Maya non avrà il coraggio di entrare in questo circolo. Tuttavia, ci sarà il potere di cooperare nell’assemblea solo quando avete il pensiero determinato che non importa quante cose dovete fronteggiare, certamente le affronterete e mostrerete a tutti diventando vittoriosi.

Slogan:
Ogni desiderio (ichcha) non vi permetterà di diventare buoni (achcha). Perciò, diventate ignoranti della conoscenza dei desideri.