15.02.2020       Morning Italian Murli        Om Shanti      BapDada       Madhuban


Essenza:
Dolci figli, versate l’olio della conoscenza e dello yoga nella lampada dell’anima così che la luce rimanga accesa. Comprendete in modo molto chiaro il contrasto tra conoscenza e yoga.


Domanda:
Il Padre non può fare il Suo compito attraverso l’ispirazione. Egli deve venire qui personalmente. Perché?

Risposta:
Perché gli intelletti degli esseri umani sono totalmente tamopradhan. Un intelletto tamopradhan non può captare un’ispirazione. È perché il Padre è venuto che cantano “Lascia il Tuo trono nel cielo...”


Canzone:
Lascia il Tuo trono nel cielo!

Om shanti.
I devoti hanno scritto questa canzone. Comunque, il cielo è qui in questa dimora. Nessuno viene dal cielo. Parlano del trono nel cielo. Ora voi risiedete sotto l’elemento del cielo, mentre il Padre risiede nel grande elemento della luce. Quello si chiama l’elemento brahm e grande elemento di luce, dove risiedono le anime. Perciò, quello è sicuramente il posto da dove viene il Padre. Qualcuno deve venire. Loro cantano: Vieni e accendi le nostre luci. Viene anche ricordato che ci sono i figli ciechi del cieco, e i figli illuminati dell’illuminato. I nomi “Dhritarashtra” e “Yudhishthira” li simbolizzano. Ci sono i figli di Ravan. Ravan è Maya. Ognuno ha un intelletto diabolico, mentre voi avete intelletti Divini. Il Padre ora sta sbloccando i vostri intelletti, mentre Ravan li blocca. Quando qualcuno non comprende nulla, si dice che ha un intelletto di pietra. Il Padre deve venire qui ad accendere le vostre lampade. Non lavora attraverso l’ispirazione. La forza delle anime che erano satopradhan, ora si è del tutto ridotta. Sono diventate tamopradhan; sono diventate fioche. Quando una persona muore, accendono una lampada. Perché accendono una lampada? Accendono una lampada perché credono che, quando c’è una lampada accesa, quell’anima non si troverà nell’oscurità. Come potrebbe essere luce là, se accendono una lampada qui? Non capiscono nulla. Adesso, state diventando quelli con intelletti che capiscono. Il Padre dice: Vi sto rendendo quelli dall’intelletto pulito. Verso l’olio della conoscenza dentro di voi. Dovete anche comprendere che la conoscenza e lo yoga sono due cose distinte. Lo yoga non può essere chiamato la conoscenza. Alcune persone pensano che Dio è venuto e ha dato loro questa conoscenza, dicendo: Ricordate Me! Tuttavia, quella non si potrebbe chiamare conoscenza. Qui ci sono il Padre e i figli. Voi figli sapete che Egli è il vostro Baba. Non si tratta di conoscenza in questo. La conoscenza è il dettaglio, mentre quello è semplice ricordo. Il Padre dice: Ricordate Me, tutto qua! Questa è una cosa normale; non dovrebbe essere chiamata conoscenza. Dopo che un bambino nasce, sicuramente ricorderà suo padre. La conoscenza è il dettaglio. Il Padre dice: Ricordate Me, ma questa non è conoscenza. Ognuno di voi può comprendere da solo di essere un’anima e che vostro Padre è l’Anima Suprema, Dio. Questo, si potrebbe chiamare conoscenza? Loro invocano il Padre. Conoscenza significa conoscenza come, per esempio, uno che sta studiando per un M.A. o un B.A. ha molti libri che riguardano quella conoscenza da studiare. Il Padre dice: Voi siete i Miei figli ed Io sono vostro Padre. Abbiate yoga solo con Me, cioè ricordate solo Me! Questo ricordo non si chiama conoscenza. Voi anime siete i miei figli, comunque. Voi anime non siete mai distrutte. Quando qualcuno muore e loro invocano quell’anima, il suo corpo sarà distrutto. Come potrebbe quell’anima, mangiare il cibo che le viene offerto? E’ il prete bramino che mangia il cibo. Comunque, tutto questo è il sistema del cammino della devozione. Non è solo perché lo diciamo, che il cammino della devozione giungerà alla fine. Questo continua a succedere. Un’anima lascia un corpo e ne adotta un altro. Il contrasto tra la conoscenza e lo yoga dov’essere chiaro nell’intelletto di voi figli. Quando il Padre dice: Ricordate Me, non è conoscenza, è la direttiva del Padre. Questo si chiama yoga. Conoscenza, significa sapere come ruota il ciclo. Questo si chiama conoscenza. Yoga significa ricordo. E’ dovere dei figli ricordare il Padre. Quelli sono padri fisici, mentre questo è il Padre parlokik. Il Padre dice: Ricordate Me. Perciò, la conoscenza è distinta dal ricordo. Si deve dire ai figli di ricordare il proprio padre? Appena un figlio nasce, ricorda il suo padre fisico. Qui, vi si deve ricordare del Padre. Questo lavoro richiede un grande sforzo. Consideratevi un’anima e ricordate il Padre. Questo lavoro richiede un grande sforzo. Per questo Baba dice: Non siete capaci di rimanere costantemente in yoga. I figli scrivono a Baba e dicono di dimenticare di ricordare Baba. Non dicono mai di dimenticare la conoscenza. La conoscenza è molto facile. Il ricordo non può essere la conoscenza. E’ nel ricordo che arrivano molte tempeste di Maya. Anche se alcuni possono essere molto bravi in questa conoscenza, e danno la conoscenza ad altri molto bene, Baba chiede a tutti voi di scrivere una chart del vostro ricordo. Per quanto tempo rimanete nel ricordo? Tenete una chart accurata del ricordo che avete di Baba e mostrateGliela. Il ricordo è la cosa principale. Sono gli impuri che invocano: Vieni e purificaci! La cosa principale è diventare puri. È in questo che Maya crea ostacoli. Dio Shiva dice: Tutti sono molto deboli nel ricordo. Figli molto bravi che possono parlare della conoscenza molto bene, sono debolissimi nel ricordo. Solo avendo yoga i vostri peccati potranno essere dissolti. Solo avendo yoga i vostri organi dei sensi diventano totalmente calmi e pacifici. Allora non ci sarà il ricordo di alcuno, se non dell’unico Baba. Non ci sarà il ricordo del corpo di nessuno. Voi anime sapete che questo intero mondo sarà distrutto. Ora stiamo per tornare a casa, e poi scenderemo là nel nostro regno. Fate sì che questo rimanga costantemente nei vostri intelletti. Voi anime dovete tenere dentro di voi la conoscenza che ricevete. Il Padre è il Signore dello Yoga (Yogeshwar): è Colui che insegna il ricordo. In effetti, Dio non può essere Yogeshwar come dicono. Siete voi a essere yogeshwar. Dio, il Padre, dice: Ricordate Me. E’ Dio, il Padre, che v’insegna il ricordo. Quel Padre incorporeo parla attraverso questo corpo e voi figli Lo ascoltate attraverso il vostro corpo. Alcuni di voi sono molto deboli nello yoga; non avete assolutamente alcun ricordo! Quindi, dovrete sperimentare la punizione per tutti i peccati commessi durante molte nascite. Quelli che vengono qui e poi commettono peccato, sperimenteranno punizione centuplicata. Anche se parlano tanto della conoscenza, non hanno assolutamente yoga e perciò i loro peccati non vengono bruciati, e loro rimangono deboli. Per questo il vero rosario si compone di solo otto. Si ricordano nove gioielli. Avete mai sentito parlare dei 108 gioielli? Nessuno produce gioielleria fatta di 108 gioielli. Molti di voi non comprendono questi aspetti. Il ricordo non può essere chiamato la conoscenza. E’ il ciclo del mondo che si chiama conoscenza. Non c’è conoscenza nelle scritture. Quelle scritture appartengono al cammino della devozione. Il Padre stesso dice: Non potete raggiungermi attraverso esse. Io vengo per elevare tutti quei saggi e santi etc. Credono che si fonderanno nell’elemento brahm, e fanno l’esempio delle bollicine che si fondono con l’acqua. Voi anime non lo dite più. Voi anime comprendete di essere i figli del Padre. Anche loro usano le parole: “Ricordate solo Me”, ma non capiscono che significa. Dicono di essere anime, ma non possiedono assolutamente alcuna conoscenza di che cosa sia un’anima o di cosa sia l’Anima Suprema. Solo il Padre viene e dà questa conoscenza. Voi adesso capite che quella è la casa delle anime. Là esiste l’intero albero genealogico. Ogni anima ha ricevuto la propria parte. Nessuno sa chi sia a dare felicità e chi a causare sofferenza. La devozione è la notte, e la conoscenza è il giorno. Vagate alla cieca per 63 nascite e poi Io vengo e vi do la conoscenza, ma quanto tempo ci vuole? Ci vuole un secondo. È stato ricordato: “La liberazione in vita si ottiene in un secondo”. Quello è vostro Padre, ed è il Purificatore. RicordandoLo diventate puri. C’è il ciclo delle età dell’oro, dell’argento, del rame e del ferro. Conoscono persino questi nomi, ma hanno intelletti talmente di pietra che nessuno di loro conosce i periodi di tempo. Comprendono persino che adesso siamo nella tenebra estrema dell’età del ferro. Tuttavia, se l’età del ferro durasse tanto quanto dicono, ci sarebbe ancora più oscurità. Per questo si ricorda che, quando la distruzione ebbe luogo, tutti dormivano nel sonno di Kumbhakarna. Anche se ascoltano un pochino della conoscenza, possono entrare a far parte dei sudditi. C’è una tale grande differenza tra Lakshmi e Narayan e i sudditi! E’ solo l’Uno che insegna. Ognuno ha la propria fortuna. Alcuni reclamano una borsa di studio, altri sono bocciati. Perché Rama è stato ritratto con il simbolo dell’arco e della freccia? Perché fu bocciato. Questo è il luogo di studio della Gita. Alcuni non sono degni di ottenere alcun voto. Io, quest’anima, sono un punto. Anche il Padre è un punto. Questo è il modo in cui dovreste ricordarLo. Che status potrebbero reclamare quelli che non comprendono questo aspetto? Quando non rimanete nel ricordo, c’è una perdita enorme. Il potere del ricordo fa meraviglie. Rende i vostri organi dei sensi completamente calmi e pacifici. Non diventano pacifici attraverso il potere della conoscenza; diventano pacifici attraverso il potere dello yoga. La gente di Bharat invoca: “Vieni e dacci la conoscenza della Gita”, ma chi verrà? L’anima di Krishna è qui. Nessuno è seduto lassù su un trono, da doverlo chiamare. Alcuni dicono di ricordare l’anima del Cristo, ma quell’anima si trova qui. Non sanno che l’anima di Cristo è ancora qui, e non può tornare indietro. Le anime di Lakshmi e Narayan sono le numero uno. Sono quelle che prendono tutte le 84 nascite. Non possono ancora ritornare, e perciò come potrebbe ritornare chiunque altro? Tutto questo può essere calcolato. Ciò che dicono gli esseri umani è falso. Per la prima metà del ciclo c’è la terra della verità, e per l’altra metà c’è la terra della falsità. Ora dovete spiegare a tutti: Tutti sono residenti dell’inferno, e ancora una volta i residenti di Bharat stanno per diventare i residenti del paradiso. Studiano così tante scritture, Vedas, Upanishads, etc. Possono ricevere liberazione facendo questo? Devono continuare a scendere. Ogni cosa deve decisamente attraversare gli stati di sato, rajo e tamo. Nessuno conosce il luogo chiamato il nuovo mondo. Il Padre siede qui e spiega di persona quando e chi fondò la religione delle deità. La gente di Bharat non sa nulla. Il Padre ha spiegato a voi figli che non importa quanto possiate essere validi nella conoscenza, alcuni falliscono nello yoga. Se non avete yoga, i vostri peccati non possono essere dissolti e non potete reclamare un alto rango. Quelli che hanno ebbrezza nello yoga sono coloro che reclamano un alto rango. I loro organi dei sensi diventano completamente calmi. Dimenticano tutto, incluso la coscienza del loro proprio corpo. Io sono senza corpo, ed ora devo tornare a casa. Quando sedete, quando vi muovete, abbiate la consapevolezza che ora dovete rinunciare al vostro corpo. Abbiamo recitato le nostre parti, ora dobbiamo tornare a casa. Vi è stata data la conoscenza che possiede il Padre. Egli non deve ricordare nessuno. Siete voi figli che Lo dovete ricordare. Il Padre si chiama l’Oceano della Conoscenza; non si chiama l’Oceano dello Yoga. Egli si presenta e vi dà la conoscenza del ciclo. Il ricordo non si chiama conoscenza. I figli ricordano automaticamente il loro padre. Voi figli dovete avere il ricordo. Altrimenti, come potreste reclamare la vostra eredità? Dal momento che Egli è vostro Padre, sicuramente da Lui reclamate la vostra eredità. Il Padre spiega la conoscenza di come prendete 84 nascite e come cambiate da tamopradhan a satopradhan e da satopradhan a tamopradhan. Ora dovete diventare satopradhan attraverso il ricordo del Padre. Voi, figli spirituali, siete venuti qui dal Padre spirituale. Egli ha bisogno del sostegno di un corpo. Dice: Entro nel vecchio corpo di questo qui, quando è nello stato del ritiro. Il Padre viene ora in questo tempo, quando c’è beneficio per l’intero mondo. Questo è il “Carro Fortunato”. Così tanto servizio si fa attraverso di lui. Per abbandonare la coscienza del vostro corpo, avete bisogno del ricordo. Non si tratta della conoscenza riguardo a ciò. Dovete insegnare di più il ricordo. La conoscenza è facile; anche un bambino piccolo può darla. E’ il ricordo che richiede sforzi. Fate in modo che ci sia il ricordo dell’Uno: questo si chiama ricordo inalterato. Ricordare il corpo di qualcuno è ricordo adulterato. Avendo questo ricordo dimenticate chiunque altro e diventate senza corpo. Achcha.

Ai dolcissimi figli, amati, a lungo persi ed ora ritrovati, amore, ricordo e buon giorno dalla Madre, il Padre, BapDada. Il Padre spirituale dice namaste ai figli spirituali.

Essenza per la dharna:
1. Rendete i vostri organi dei sensi calmi e pacifici con il potere del ricordo. Per passare a pieni voti ricordate il Padre con accuratezza e diventate puri.

2. Fate sì che rimanga nel vostro intelletto, quando sedete e quando vi muovete, che dovete adesso rinunciare al vostro vecchio corpo e tornare a casa. Così come il Padre possiede tutta la conoscenza, così voi dovete diventare un master oceano della conoscenza.

Benedizione:
Possiate diventare un master Parasnath (Signore della Divinità), che rende esseri divini le anime come di ferro.

Tutti voi siete master parasnath, figli del Padre Parasnath. Quindi, non importa quanto un’anima possa essere come il ferro, con la vostra compagnia anche il ferro diventa divino. Non pensate mai: Questo qui è come ferro. La specialità della pietra filosofale è quella di trasformare il ferro in oro. Nel creare ogni pensiero e svolgere ogni opera, tenete costantemente quest’obbiettivo e le sue qualificazioni, nella vostra consapevolezza. Solo allora esperirete che raggi di luce s’irradiano da voi, l’anima, dando a tutte le anime il potere di diventare d’oro.

Slogan:
Svolgete ogn’incarico con coraggio e riceverete il rispetto di tutti.